Scannasurice

Scannasurice, dal 14 al 19 maggio al Piccolo Teatro Grassi, è il testo che nel 1982 segnò il debutto di Enzo Moscato come autore e interprete, diventando ben presto un classico del teatro contemporaneo italiano. Viene riproposto a distanza di trentasei anni dal primo allestimento con l’attenta e rigorosa regia di Carlo Cerciello. In scena una straordinaria Imma Villa.

Il titolo, letteralmente scanna topi, fa riferimento a un vecchio fondaco partenopeo nel labirinto dei Quartieri Spagnoli e, più precisamente, a quei tuguri che anticamente gli artigiani usavano bonificare dai ratti a colpi di spadone. L’azione narrata si sviluppa in una di queste squallide stamberghe. Racconta un terremoto metaforico, la perdita di futuro seguita al sisma del 1980, ma anche quello esistenziale che attraversa il protagonista. Scannasurice è, infatti, anche il nome del personaggio principale, un femminiello dei Quartieri Spagnoli, che fa la vita, ‘batte’. Vive in una stamberga, piena di cianfrusaglie e immondizia e parla con i topi con cui ha un rapporto di amore e odio. Senza un’identità sessuale, metafora di incompletezza e inadeguatezza, “creature mitologiche, quasi magiche” come solo i femminielli di Moscato sanno essere. In una lingua napoletana lirica e suggestiva, la creatura a metà tra l’osceno e il sublime, distilla imprecazioni esilaranti, filastrocche popolari e antiche memorie in un’affascinante alternanza di ritmi e sonorità. Considerato rivoluzionario nella drammaturgia contemporanea napoletana, Scannasurice avvia il fondamentale discorso sulla lingua che caratterizza il teatro di Enzo Moscato ed è tra i testi che hanno segnato l’inizio della nuova drammaturgia del dopo-Eduardo. Una lingua colta e allusiva che, nelle sue originali costruzioni sintattiche e semantiche, si rende strumento evidente di una radicale frattura rispetto alla tradizione, letteraria, teatrale e scenica.

Misteriosofico-plebeo poema sulla mia discesa agli Inferi di Napoli (i bassi, gli ipogei), appena secondo, in senso cronologico tra i testi da me pensati per il teatro, eppure possedente già, “in nuce”, se non di fatto, gran parte della malattia anti-tradizionale, gran parte di quell'”es-tradizione” dalle mie proprie radici, che avrei espresso pienamente dopo, in altri ed insoliti esiti drammatici. Già il titolo del lavoro, (…) si attestava altrove, in un polemico rifiuto a non volermi allineare, a non cercare di nascondermi (pur’io!), all’indomani del tremendo ma, per tanti versi, già annunciato, sconquasso del terremoto dеll’80, la lucida е irrimediabile visione del massacro, dell’eccidio, lo sterminio, non tanto di persone o case, quanto di idee, emozioni, sentimenti, che tra alti e bassi, per tanti secoli, aveva costituito l’anima genuina, il “modus agendi et cogitandi” del popolo e della città di Napoli (…). Ecco, io con Sсannasùriсe (…) vedevo е percepivo le ferite, le faglie, le fratture dei nostri animi con lo stato precedente della vita e la cultura a Napoli.

Orari: martedì, giovedì e sabato, ore 19.30; mercoledì e venerdì, ore 20.30; domenica, ore 16. Durata: un’ora senza intervallo

HAWAIIAN TROPIC

Hawaiian Tropic, il famoso brand di prodotti per la protezione solare, noto in tutto il mondo per la sua filosofia, che punta sulla protezione unita a texture sensoriali e profumazioni esotiche, ha lanciato tre novità di prodotto nell’anno in cui raggiunge il traguardo del mezzo secolo.

Island Sport®: lo spray solare per gli sportiviHawaiian Tropic Island Sport SPF15.jpg
La novità principale del 2019 è Island Sport®. Hawaiian Tropic ha introdotto uno spray solare pensato per chi ama l’attività fisica all’aria aperta e vuole un’efficace protezione dai raggi del sole. Island Sport®, con SPF 15 e SPF 30, resiste all’acqua e al sudore, non cola negli occhi e ha una formula ultra-leggera e traspirante che non ostruisce i pori e lascia respirare la pelle. Facile da applicare, grazie ad uno spruzzatore che funziona da ogni angolazione, ha una copertura uniforme e protegge ad ampio spettro dai raggi UVA e UVB.

Silk Hydration Air Soft SPF 50 Hawaiian Tropic Silk Hydration AirSoft SPF50.JPG
el range Silk Hydration Air Soft, dedicato alle donne che amano stare al sole, ma non voglionouna pelle opaca e secca, è disponibile Silk Hydration Air SoftSPF 50, uno spray ad alta protezione che si aggiunge a quello con SPF 15 e quello con SPF 30. È resistente all’acqua, ha una struttura ultraleggera e contiene una componente di crema idranteper 12 ore di idratazione. Senza dimenticare l’inconfondibile fragranza Hawaiian Tropic che delizia i sensi.

Duo Defence Rinfrescante SprayHawaiian Tropic Duo Defence Rinfrescante Spray.jpg
Nel range Duo Defence, per le donne che amano passare il tempo all’aria aperta, ma vogliono proteggersi sia dagli effetti del sole che dall’inquinamento, è stato introdottoDuo Defence Rinfrescante Spray. È facile da applicare e aiuta a proteggere la pelle dagli effetti dannosi del sole e, grazie a uno strato protettivo anti-inquinamento, anche dallo smog. Con SPF 15 è ultra-leggero, ha una formula senza olio e può essere riapplicato per tutto il giorno. Contiene estratto di tè verde, non ostruisce i pori ed è priva di parabeni.

NERO su BIANCO

S’intitola “NERO su BIANCO Protagonisti di un istante” la mostra di Franco Pelosi, in affiliazione con il Photofestival 2019, che si inaugura venerdì 10 maggio, ore 18.30, negli spazi della galleria SPAZIOKAPPA32 (via Kramer 32, Milano).F.Pelosi 7.jpg
Franco Pelosi è il vincitore di “La gente, la strada, la città” EXPO + CONTEST: il primo concorso fotografico lanciato dalla galleria nel 2018. L’iniziativa, a cui hanno aderito in molti, ha visto esposti nella cornice di una mostra collettiva gli scatti a tema street photography inviati dai partecipanti e selezionati da una commissione di addetti ai lavori. La foto fra queste con il maggior numero di voti, ricevuti dal pubblico e dalla giuria di esperti, si è aggiudicata, infine, l’ambito premio di una mostra individuale, con stampa e montaggio a carico della galleria. In “NERO su BIANCO Protagonisti di un istante”, Pelosi vuole “narrare”, fra composizione e luce, la vita quotidiana in attimi fugaci nei quali la persona comune diviene protagonista inconsapevole di un breve racconto. I soggetti immortalati sono, infatti, prevalentemente singoli, proprio a voler rimarcare l’importanza individuale della persona in quel determinato tempo e luogo; in quello che si caratterizza come un momento esclusivo. Per l’Artista, dunque, non è necessario che il setting sia deserto per consacrare l’istante in cui qualcuno, senza che ne sappiamo il perché, decide di isolarsi.
«Chi in veste più ironica, chi allegra, pensierosa, impegnata o sognatrice – dichiara il fotografo – questa “umanità” mi incuriosisce molto e nel pieno rispetto del momento altrui, in punta di piedi, mi limito a catturarla e mi invento una storia».

il CARAPELLI

In un luogo magico di Milano nasce

il Carapelli un temporary restaurant che realizza il sogno di diventare chef per un giorno

Dal 16 al 26 maggio negli spazi suggestivi di Mari&Co, Carapelli dedica ai food lover uno speciale ristorante in cui cucinare per i propri amici un piatto del cuore insieme allo chef stellato Filippo Saporito e alla selezione degli oli Premium Carapelli 100% italiani

Il temporary restaurant il Carapelli aprirà negli spazi nascosti di Mari&Co, dove oltre una piccola porta si apre un mondo che trasmette sin dal primo istante l’amore per la bellezza e la bontà. In questa cornice magica Carapelli Firenze, lo storico marchio che da oltre cento anni con esperienza e passione promuove l’arte dell’extra vergine, ha scelto di dedicare ai food lover un favoloso ristorante dove vivere una esperienza unica: diventare chef per un giorno affiancato dalla maestria di un mentore di eccezione e dalla qualità di un ingrediente fondamentale come l’olio extra vergine di oliva. A il Carapelli gli ospiti realizzeranno il sogno di cucinare per i propri amici la loro ricetta speciale che racconta una storia, un momento, un luogo, un ricordo particolare, per vivere e condividere con loro un’esperienza emozionante e indimenticabile. Sarà Filippo Saporito – chef a una stella Michelin* del ristorante La Leggenda dei Frati (Villa Bardini – Firenze) – a guidare con la sua esperienza e il suo carisma gastronomico gli appassionati che decideranno di diventare temporary chef. Ogni preparazione sarà esaltata dall’abbinamento con gli oli extra vergine premium Carapelli 100% italiani: Oro Verde dalla personalità decisa ed il gusto fruttato, Il Nobile testimone del progetto Filiera Olivicola Olearia Italiana con il suo profilo organolettico equilibrato, Bio proveniente esclusivamente da agricoltura biologica italiana.

Per prenotare il Carapelli sarà necessario presentare una breve proposta video (1 minuto) della propria ricetta sul sito www.carapelli.it/il-carapelli, raccontando la storia che la rende speciale. I posti sono naturalmente limitati.

Genitori in affitto

Torna sul palco del Martinitt la comicità fresca e demenziale de I pezzi di Nerd. Non più orfani, ma sempre figli ci propongono questa volta una situazione assurda, dai protagonisti strampalati e diversissimi tra loro ma uniti da un unico diktat: non far risposare mamma e papà… Una commedia tutta da ridere. In scena dal 25 aprile al 12 maggio.

GENITORIbassa.jpg

Dopo il grande successo di “Ho adottato mio fratello” nella scorsa stagione, lo squinternato quartetto de I pezzi di Nerd – impreziosito questa volta da una presenza femminile – torna a scuotere la locandina del Martinitt con un altro spettacolo fresco, dal linguaggio giovane, scombinato e diretto. Ancora una volta al centro della scena sono dei moderni figli, i cui genitori si sono tolti di mezzo. No, questa volta non sono morti e compianti, bensì separati e felici delle rispettive vite… il che per i ragazzi si traduce in un appartamento tutto per loro, in una vita senza regole e in una totale, impagabile autonomia. Che però viene messa a rischio da una telefonata fatidica per comunicare una buona nuova, che per i tre fratelli tanto buona non è: mamma e papà si risposano! Più che felici, i ragazzi sono terrorizzati e cercano il conforto, ma soprattutto la complicità, dell’amico di sempre e della colf per realizzare un piano diabolico. Questo matrimonio non s’ha da (ri)fare…

Questa è la storia di tre fratelli – Agostino, Giancarlo e Flavio – che, abituati ai vantaggi di una vita indipendente e senza la presenza dei genitori, decidono di ristrutturare la casa in base ai propri bisogni. Ma una notizia inaspettata scombinerà i loro piani: i genitori hanno deciso di risposarsi! Eccoli allora costretti a complottare per mandare all’aria le nozze. Non senza coinvolgere Giovanni, un amico d’infanzia, e Rosy, la ragazza delle pulizie… Un infermiere che si atteggia a medico specializzato in qualsiasi cosa, un aspirante attore, un narcolettico tenuto nella bambagia, un muratore che pretende di esser definito pittore e una ragazza madre contribuiscono in ugual modo a una demenziale confusione, E se facessero tanto rumore per nulla?

TEATRO/CINEMA MARTINITT

Via Pitteri 58, Milano – Tel. 02 36.58.00.10 – Parcheggio gratuito.
Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.

CODEX

Codex, uno speciale oggetto design celebra il genio di Leonardo da Vinci per i 500 anni dalla sua morte.

Uno scrigno in grado di racchiudere un oggetto, conservandolo come un tesoro prezioso. Codex è una creazione Pininfarina Segno, ispirata dal genio di Leonardo Da Vinci e dedicata a chi ama la storia, un racconto fatto di enigmi, citazioni e, al tempo stesso, di maestria artigiana e design.

Pininfarina Segno_Codex (3).jpg Prodotto in un’edizione limitata di 500 pezzi numerati. Codex unisce la purezza dell’alluminio all’essenzialità del legno di noce massello, per formare un cilindro all’interno del quale si può accedere solo allineando le lettere nella giusta sequenza per comporre il codice segreto che sigilla il contenuto. Al centro del cilindro, uno spazio vuoto custodisce uno stilo Pininfarina Segno o anche informazioni preziose, o piccoli oggetti personali, rendendo Codex un vero secretaire di design, raffinato ed elegante. Il progetto di Codex si ispira a “Cryptex”, inventato da Dan Brown nel suo best seller “Il codice da Vinci” e attribuito dallo scrittore a Leonardo da Vinci. Un’idea suggestiva e affascinante, che Pininfarina Segno dedica a tutti gli appassionati del “Codice da Vinci” e a coloro che amano pensare che la creazione di Cryptex sia davvero nata dal genio di Leonardo. L’idea è frutto di un progetto che ha impegnato gli studenti dell’Istituto Europeo di Design (IED) di Torino nella progettazione di un oggetto originale che rispettasse i valori di innovazione, attenzione allo stile e alla qualità artigianale che rappresentano Pininfarina Segno.

OSMODERM-THALASSO

La Linea Osmoderm-Thalasso di Dermophisiologique è caratterizzata dai principi attivi del Mare, Oligoelementi ed Alghe purissime per un’azione rivitalizzante della pelle e il trattamento fisiologico degli inestetismi da cellulite.

CREMA BIOSALINA RIDUCENTE 

La Crema Biosalina riducente di Dermophisiologique ha un’azione thalassoterapica, infatti, grazie alle sue funzioni drenanti e stimolanti è specifica per tutti gli inestetismi della cellulite con ritenzione idrica e adiposità localizzata. È priva di oli minerali, derivati del petrolio, coloranti di sintesi, parabeni aggiunti, profumi allergizzanti e alcool. Grazie ad una perfetta sinergia tra bio componenti dell’ambiente marino come estratti di Alghe, Sali purissimi del Mar Morto ed oligoelementi, uniti a principi attivi vegetali, riduce e definisce visibilmente la silhouette.
Un’emulsione leggera, dalle fresche note oceaniche, per un rapido rimodellamento della figura ed un nutrimento profondo della pelle.

ACQUA MARINA PUREOSMODERM_thalasso_300dpi

L’Acqua Marina di Dermophisiologique è caratterizzata da acqua di mare purissima, aspirata per pompaggio al largo delle coste di Bretagna, sottoposta a pre-filtrazione, filtrazione e sterilizzazione ad UV, in modo da mantenere inalterata l’integrità e la purezza dei suoi principi attivi. È privo di oli minerali, derivati del petrolio, coloranti di sintesi, parabeni aggiunti, profumi allergizzanti e alcool. Lenisce, remineralizzante e riequilibra il PH cutaneo. Rinfresca e dona sollievo immediato alle pelli sensibili, reattive o irritate.
Scegliendo i Prodotti Dermophisiologique, Sostieni con Noi l’Ambiente e la Società Dermophisiologique è la prima azienda di dermocosmesi professionale ad essere Società Benefit: un nuovo modo di fare business, trasparente e responsabile. Dentro ogni prodotto Dermophisiologique, realizzato interamente in Italia, confluiscono la Ricerca, il Rispetto dell’Ambiente, la costante Qualificazione professionale. Un’ Azienda fatta di Persone che condividono la mission di eccellenza nella Qualità, nel lavoro quotidiano e nella Vita.

THE MOON

In occasione del cinquantesimo anniversario del primo passo dell’uomo sulla Luna, Associazione LOfficina, con il contributo di Fondazione Cariplo nell’ambito del bando “Partecipazione culturale”, facente parte dei programmi prioritari d’intervento dell’anno 2017 e in collaborazione con Join 4B e Aedo, ha progettato e realizzato lo spettacolo The Moon.

VR_600x398.jpgDal cielo del Planetario alla realtà virtuale, un’attività del tutto nuova che resterà nella programmazione per il pubblico del Planetario per tutto il 2019. Grazie alla fusione tra la tradizione (l’osservazione del cielo attraverso il planetario optomeccanico Zeiss IV) e la tecnologia di ultima generazione della realtà virtuale, lo spettatore potrà vivere a pieno l’emozione di quel momento epocale nella storia dell’umanità.VR_sala
Per la prima volta in Italia, due modalità di ricostruzione artificiale della realtà, totalmente differenti nel funzionamento e nell’epoca di origine, vanno a costruire un unico spettacolo che trasporterà lo spettatore, prima sotto una volta celeste mozzafiato e poi catapultato in un viaggio nello spazio virtuale, in un’esperienza completamente immersiva. Il video immersivo, realizzato a 360°, accompagna i visitatori nella Missione Apollo 11 insieme agli astronauti. Gli scenari, ricreati in 3D dopo un’accurata ricerca storica, volta a ricostruire una visione il più possibile aderente alla realtà, ci riportano a quei giorni, come con una macchina del tempo, per rivivere e celebrare la storia, l’avventura e quel passo, che ha cambiato un’epoca. L’esperienza è visibile mediante visori stand-alone per la realtà virtuale, la cui potente immersività trasporta l’osservatore in una nuova realtà.
Nella realtà virtuale non c’è niente di troppo lontano o visionario che non si possa fare; questa tecnologia trova applicazione in diversi ambiti. Dai videogiochi al cinema, dall’archeologia alla medicina, dal turismo al settore scientifico. Tutto diventa possibile, non ci sono limiti: immergersi negli abissi, visitare luoghi inarrivabili, ripercorrere la storia, arrivare sulla Luna!
OCULUS GO: ergonomico, leggero, pratico e robusto, l’Oculus Go è un dispositivo selezionato per la fruizione dell’esperienza VR. Grazie al comparto audio integrato, il suono emesso darà l’illusione di essere veramente al centro della scena, i sensori che consentono il tracciamento in tempo reale dei movimenti della testa daranno invece la possibilità di seguire a 360° l’azione, senza perdersi nulla!
SVOLGIMENTO DELLO SPETTACOLO: Gli spettatori, calati nella notte del cielo stellato, ascolteranno il racconto della corsa dell’uomo alla conquista dello spazio, passando per le tappe più significative dal satellite Sputnik fino alla missione sulla Luna (20/25 min). Ogni spettatore verrà, poi, invitato ad indossare il proprio visore e diventare, così, il vero protagonista della narrazione. La storia si trasformerà in un’esperienza immersiva da vivere in prima persona che inizierà dalla rampa di lancio del Saturno V fino al primo passo di Neil Armstrong sul suolo lunare (5/6 min).
Lo spettacolo si svolgerà al Civico Planetario di Milano, Giardini Pubblici Indro Montanelli, corso Venezia, 57, Milano.

PAOLA LENTI

Una sequenza di architetture disposte come quinte teatrali per raccontare intuizioni, innovazioni e prodotti, di ieri e di oggi, in un dialogo continuo fra colore, materiae forma: è la proposta dell’azienda Paola Lenti per l’edizione 2019 del Salone del Mobile  di Milano presentata negli spazi industriali di Fabbrica Orobia 15 dal 9 al 14 aprile.

Il pensiero creativo dell’azienda, declinato in tutti i suoi aspetti — dai prodotti di arredamento alle installazioni mobili di ceramica, metallo e tessuto fino alla decorazione dell’architettura — rivela allo spettatore come tutti gli elementi che compongono questo scenario concorrano a creare un insieme coerente ed equilibrato.

Portofino.01.jpg
Forme essenziali e inedite sfumature di colore diventano materiale narrativo che l’azienda propone con trame diverse in ogni stanza, per dar vita a un personale concetto dell’abitare contemporaneo, in cui elementi diversi convivono naturalmente  in inaspettate relazioni progettuali, sempre attente all’utilizzo consapevole delle  risorse e dei materiali, alla sostenibilità e al rispetto per l’ambiente.
Il linguaggio unico e riconoscibile dell’identità estetica Paola Lenti si esprime nella   realizzazione di spazi di vita interni ed esterni fin dal 1994. Un ritmo scandito da  pezzi ormai iconici che oggi convivono con originali ed esclusivi progetti finalizzati alla
ricerca di una perfetta sintesi di funzionalità ed estetica

MORATO PANE – EUSTACHIORA

Morato Pane ha scelto la Milan Design Week 2019 per il lancio delle loro novità!!

Durante il Fuorisalone, il distretto EustachiORA ha fatto  da palcoscenico al debutto della nuova linea Chips e Sticks di Morato Pane. In tutti i locali del distretto – insieme ai designer e ai loro progetti – si sono potute assaggiare le nuove sfoglie di pane croccanti a forma di patatine o bastoncini, ideali da gustare come snack veloce o per aperitivi sfiziosi in compagnia.

MORATO Logo_Tavola disegno +anam.jpg

MoratoPane_Mix_EustachiOra 2019.jpg

Le Chips e Sticks di Pane Morato sono delle sfoglie di pane croccanti a forma di patatine o bastoncini; ideali da gustare come snack veloce o per aperitivi sfiziosi in compagnia. Le Chips di Pane sono disponibile nei tre gusti: Classico all’Olio d’Oliva, Sale e Pepe, Barbecue. Le Sticks di Pane nelle due varianti: Classico all’Olio d’Oliva, Chili.

L’11 Aprile, in particolare, l’azienda ha raccontato la sua storia e la nuova buonissima linea, nell’atmosfera originale e accogliente del ristorante Consorzio Stoppani, un luogo dove le sagre e le tradizioni italiane rivivono, e dove si sono potuti gustare interessanti e originali abbinamenti creati ad hoc dallo Chef, lasciatosi ispirare dalle nuove sfoglie di pane croccanti. Nella settimana più creativa dell’anno, non poteva mancare anche il tocco di design: il ceramista ligure Paolo Anselmo, infatti ha presentato un accessorio in edizione limitata, ideato per esaltare la nuova linea di prodotti Morato Pane.
Il marchio Morato nasce nel 1970, in una piccola bottega di Vicenza, dove Luigi inizia ad impastare acqua, farina e tante idee. Sforna per tutti un nuovo concetto di pane, che deve essere pratico, gustoso e innovativo nel formato. Qualcosa di quotidiano e familiare, che non può mancare sulle tavole degli italiani. Una vera passione per il buon pane, che trasforma la bottega di famiglia in un’azienda consolidata nel territorio e non solo.