BEATA GIOVENTU’

Dopo il grande successo della stagione scorsa, torna al Teatro Leonardo di Milano, Beata gioventù. Un padre e una figlia in un alternarsi frenetico di incontri e scontri, specchio di un amore che va oltre il disordine di una mente giovanile e di una stanza in cui le bottiglie di plastica fanno “design”.

BeataGioventu_5.jpg Scuola, fidanzato, amicizie, ma anche la separazione dei genitori lontana e comunque pungente. Due mondi in apparente competizione si trovano nel racconto della “beata gioventù” del padre. Un padre, una figlia. Una discussione nella quale i toni si alzano fino a diventare insopportabili e che si chiude in maniera tragica, ma una speranza c’è ancora. Attaccandosi a quella, aspettando che il destino si dimostri generoso, c’è il tempo per fare dei passi a ritroso.  Il padre prova a ricordare se stesso adolescente e quegli anni sgangherati, arruffati, infuocati, che quando si riaffacciano alla memoria, ci fanno ripensare ai sogni che abbiamo lasciato per strada, ai desideri bruciati nella quotidianità e alla voglia di lottare contro tutto e tutti. Voglia che si è trasformata in arrendevolezza perché “tanto, è così difficile cambiare le cose…”.  BeataGiovendtu_3.jpgRicordando quel viaggio che ognuno di noi ha fatto per arrivare a diventare adulto, due generazioni possono finalmente riabbracciarsi e ritrovarsi imparando a parlare senza filtri, senza prevenzioni. Uno spettacolo che tocca l’urgente tema della comunicazione fra genitori e figli, che può diventare un incontro anche quando è uno scontro, che apre una riflessione sull’importanza del tempo, che è necessario dedicare e dedicarci per arricchire i rapporti umani. Due “mestieri”, quello del genitore e quello del figlio, che nessuno ci insegna, ma che si impara sul campo sul quale, fra un’inevitabile battaglia e l’altra, ci sono infinite possibilità di confronto. In scena l’eclettico Andrea Robbiano (già protagonista di Fuori Misura e L’Arte della Menzogna) nei panni di un giovane padre alle prese con un’irruente, selvaggia e sensibilissima figlia interpretata dalla giovane e talentuosa Claudia Veronesi.

MTM Teatro Leonardo Via Andrea Maria Ampère, 1

23 novembre 2019 ore 20:30  24 novembre ore 16:30

HO PERSO IL FILO

In scena un’Angela Finocchiaro inedita, che si mette alla prova in modo sorprendente con linguaggi espressivi mai affrontati prima, per raccontarci con la sua stralunata comicità e ironia un’avventura straordinaria, emozionante e divertente al tempo stesso: quella di un’eroina pasticciona e anticonvenzionale che parte per un viaggio, si perde, tentenna ma poi combatte fino all’ultimo il suo spaventoso Minotauro. AwsV3g9gAngela si presenta in scena come un’attrice stufa dei soliti ruoli: oggi sarà Teseo, il mitico eroe che si infila nei meandri del Labirinto per combattere il terribile Minotauro. Affida agli spettatori un gomitolo enorme da cui dipende la sua vita e parte. Una volta entrata nel Labirinto, però, niente va come previsto. Viene assalita da strane Creature, un misto tra acrobati, danzatori e spiriti dispettosi, che la circondano, la disarmano, la frullano come fosse un frappè, e soprattutto tagliano il filo che le assicurava la via del ritorno. Disorientata, isolata, impaurita, Angela scopre di essere finita in un luogo magico ed eccentrico, un Labirinto, che si esprime con scritte e disegni: ora che ha perso il filo, il Labirinto le lancia un gioco, allegro e crudele per farglielo ritrovare. 3EdF-blw.jpegPasso dopo passo, una tappa dopo l’altra, superando trabocchetti e prove di coraggio, con il pericolo incombente di un Minotauro affamato di carne umana, Angela viene costretta a svelare ansie, paure, ipocrisie che sono sue come del mondo di oggi e a riscoprire il senso di parole come coraggio e altruismo. Alla sua maniera naturalmente, come quando – di fronte ai ragazzi ateniesi che la implorano di salvarli dal Mostro che li sta già sgranocchiando – promette firme e impegno sui social; o come quando è sottoposta a una sfida paradossale dal vero Teseo, sceso di corsa dalle vette del mito, indignato perché la sua interprete difetta delle necessarie qualità eroiche.

Lo spettacolo vive del rapporto tra le parole comiche di un personaggio contemporaneo e la fisicità acrobatica, primitiva, arcaica delle Creature del Labirinto che agiscono, danzano, lottano con Angela provocandola come una gang di ragazzi di strada imprevedibili, spietati e seducenti. Il Labirinto è un simbolo antico di nascita – morte – rinascita. Anche Angela, dopo aver toccato il fondo, riuscirà a ritrovare il filo e con esso la forza per affrontare il Minotauro in un finale inatteso che si trasforma in una festa collettiva coinvolgente e liberatoria. Si ride, ci si emoziona, si gode uno spettacolo che si avvale di più linguaggi espressivi grazie agli straordinari danzatori guidati dall’inventiva di Hervé Koubi, uno dei più talentuosi e affermati coreografi sulla scena internazionale e naturalmente alla capacità comica di Angela Finocchiaro di raccontare un personaggio che è molto personale e allo stesso tempo vicino al cuore di molti.

Teatro Manzoni dal 21 novembre all’8 dicembre 2019

FATTORE COMUNE

Si è chiusa con grande successo la terza edizione di “FATTORE COMUNE” Incontri fra DOP e IGP, a Recco, Sori e Camogli (Ge) Quando il prodotto è sinonimo di un territorio Svoltasi venerdì 8 novembre 2019 in Liguria, fra Recco, Sori e Avegno con il Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e Regione Liguria; Comuni di Recco, Camogli, Sori e Avegno; Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Genova.

I Pansoti Da Lino.jpeg
“Fattore Comune” incontri fra DOP e IGP, organizzato dal Consorzio della Focaccia di Recco, è l’evento dedicato alle eccellenze agroalimentari tutelate dalla Unione Europea e vuole essere presupposto di dialogo tra i produttori e le istituzioni preposte per esaminare le proprie tutele, presentare i percorsi fatti, illustrare gli obiettivi colti e ipotizzare i piani futuri, analizzare l’appeal sul fenomeno del turismo gastronomico con nuove idee per la miglior promozione delle DOP e IGP. Focaccia di Recco.jpegNella prima parte dell’evento al Teatro di Sori sono saliti sul palco, oltre al Consorzio della Focaccia di Recco, i tre prodotti provenienti dal Piemonte, Il Consorzio Castelmagno DOP, il Consorzio Riso di Baraggia DOP e il Consorzio GAVI DOCG, dalla Lombardia il Consorzio Salame d’oca di Mortara IGP, e dall’Emilia Romagna il Consorzio dei Salumi DOP Piacentini. Hanno condotto il talk show Lucio Bernini per il Consorzio di Recco e Federico Quaranta, anfitrione di Decanter, programma “DOP” di Radio2, unica ed incontrastata voce enogastronomica dell’etere che va in onda da oltre 15 anni, in cui tutte le sere alle 20,00 si racconta del cibo e del vino trasmettendo il piacere della convivialità e del mangiare e bere bene e consapevole. Gavi
Dopo il benvenuto agli ospiti di Mario REFFO – Sindaco di Sori si è entrati nel vivo con l’apertura dei lavori da parte Tenente Col. Mario FIORDALISO, Comandante Nord Ovest Italia del Nucleo Carabinieri per la Tutela Agroalimentare che ha illustrato una panoramica delle loro attività sia a sostegno della difesa delle produzioni tutelate dalle DOP e IGP, prese quotidianamente di mira da quel mercato sommerso delle contraffazioni che approfitta della fama dei prodotti di qualità sia a sostegno dei consumatori che con le DOP e IGP devono avere la sicurezza di sapere che ciò che comprano corrisponde a quanto previsto dai disciplinari. Un lavoro molto difficile e complesso perché oggi i prodotti a marchio sono considerati fra i più ricercati. Intervento ascoltato attentamente. ovviamente seguitissimo ed applaudito a lungo. A seguire si sono alternati sul palco i prodotti presenti con i loro rappresentanti. Gavi D.O.C.G. – Il Presidente del Consorzio Roberto Ghio e lo storico Luigi Pagliantini Consorzio Salumi DOP Piacentini – Il Presidente Antonio Grossetti e il Direttore Roberto Belli Castelmagno D.O.P. – Il Presidente del Consorzio Evanzio FIANDINO Riso di Baraggia D.O.P. – Produttrice del Consorzio Gloria BARONE Salame d’oca di Mortara I.G.P. – Il Sindaco di Mortara Marco FACCHINOTTI e il Presidente del Consorzio Gioacchino PALESTRO Focaccia di Recco col formaggio I.G.P. Il Sindaco di Recco Carlo GANDOLFO e il Vice Presidente del Consorzio Titta MOLTEDO. Uno su tutti il concetto emerso e condiviso: passione e amore alla base di loro produttori con storie fortemente radicate ai propri territori. Tutti uomini e donne con alle spalle generazioni che si sono tramandate nel tempo la responsabilità di mantenere inalterato il proprio prodotto, aiutati in tal senso dalla ottenuta protezione europea che ne garantisce l’origine proteggendone qualità e reputazione. Infatti i marchi DOP e IGP, pur richiedendo sforzi notevoli per la loro gestione e mantenimento, sono gli unici e i soli ad essere protetti dai controlli di Autorità competenti e preposte al compito di contrastarne la frode. Importanti gli interventi di Lilli Lauro – Consigliere Regione Liguria e di Massimiliano Salini Europarlamentare. L’attesissimo intervallo con il Farinata break e dolci preparati da Edobar di Sori, ristorante il Boschetto e Focacceria Tossini è stato un momento di grandissima convivialità in cui gli ospiti hanno avuto la prima occasione per iniziare a conoscersi fra una fetta di farina e l’altra.
Alla ripresa dei lavori sono stati apprezzatissimi gli interventi mirati alla valorizzazione dei prodotti DOP e IGP e alla loro promozione. Roberto SOLINAS – Preside IPSSAR Marco Polo di Genova, con oltre 1500 alunni e due sedi distaccate a Camogli e Calvari di San Colombano, è già impegnato fortemente nei suoi pianti didattici a diffondere la cultura delle eccellenze agroalimentari nelle sue aule. Applauditissimo Silvio BARBERO – Vice Presidente Slow Food Italia e Università Scienze Gastronomiche. Sincero, diretto e schietto: “Se è tanto di moda dire che siamo sostenibili, allora impegniamoci anche a misurarla e dichiararla la nostra sostenibilità”. Slow Food, prima su tutti si è assunta l’onere di ridare il giusto valore al cibo nel rispetto di chi produce, purchè che sia in armonia con l’ambiente. Cesare CARBONE – Presidente Ristoranti Piatto del Buon Ricordo, sottolinea che l’associazione non è solo il “piatto” ma è quello che rappresenta, attività che hanno alle spalle secoli di storie con persone che dedicano la vita ai loro ristoranti tenendo ferme nel tempo quelle ricette tradizionali che tanto hanno reso famosa nel mondo la cucina italiana.
Al termine, sono arrivati i saluti di Franco Senarega – Consigliere Regione Liguria e dal Sindaco di Recco Carlo Gandolfo che ha dato l’arrivederci nella sua Città per la serata finale. Si sono poi tratte le Conclusioni con Federico QUARANTA e Lucio BERNINI guardando già avanti a nuovi ed importanti traguardi, il primo, l’imminente ed attesissima serata con i banchi d’assaggio a Recco al ristorante Manuelina. Quì è andato in scena il trionfo dei prodotti DOP IGP presenti con i rispettivi Consorzi e Amministrazioni con i banchi d’assaggio e degustazione delle loro eccellenze. Presenti anche il Consorzio Basilico genovese DOP, Il Consorzio Olio DOP riviera Ligure e l’Enoteca regionale della Liguria. Oltre cinquanta i media presenti, fotografi, cine operatori, food blogger, giornalisti, video maker che hanno intervistato, fotografato, ripreso e ritratto con le più varie tecniche e mezzi i prodotti e produttori presenti, facendo della serata un momento da grandi occasioni con un’ atmosfera magica. Il giorno successivo, sabato 9, i partecipanti al press tour si sono trasferiti a Camogli per un piccolo tour turistico-gastronomico con tappa gourmet alla Focacceria Revello. Per pranzo ritorno a Recco al ristorante Da Lino, in casa della presidente del Consorzio della Focaccia Maura Macchiavello con speciali show cooking di Focaccia di Recco IGP e pansoti in salsa noci. Ad attendere i giornalisti al ristorante anche il Sindaco Gandolfo che ha voluto ringraziali per aver accolto l’invito partito dalla sua Città e dalla sua focaccia. Al pomeriggio visita di Recco, e, nonostante la pioggia, c’è stato tempo ancora per due fette di focaccia …. “Partiti tutti, è rimasto il ricordo di grandi entusiasmi che hanno creato le fondamenta per un lungo ponte che ci porterà lontano” dice Lucio Bernini per il Consorzio Focaccia di Recco.

La zona di produzione registrata dall’Unione Europea per la Focaccia di Recco col Formaggio I.G.P. è quella dei comuni di Recco, Camogli, Sori e Avegno (Ge) e le aziende autorizzate all’uso del marchio europeo sono le attività consorziate: Ristoranti a Recco: Alfredo – Angelo – Da Lino – Da ö Vittorio – Del Ponte Manuelina – Vitturin – Focacceria Manuelina. Panifici a Recco: Panifici Tossini – Panificio Moltedo G.B. – Panificio Moltedo 1874 Ristoranti a Sori: Edobar – Il Boschetto – Focacceria Tossini. Asporto a Camogli: Revello Focacceria.

VILLA ALTACHIARA

E’ di VILLA ALTACHIARA la mise en place più natalizia… fiammeggia il rosso e splende l’oro della festa.
ALLORO, per un BRINDISI TUTTO D’OROAlloroCalici.jpg
Vetro decorato in oro
CALICI acqua,vino, flute, Conf. 6 pz cadauna
FLUTE, Conf. 6 pz
CURRY
PIATTI in porcellana
TAZZA CAFFè PORCELLANA CON DECORO IN ORO
6 pz
KLAUS
Trittico di PIATTI in porcellana: piano, fondo e frutta con bordo rosso e disegni natalizi in bianco
18 pz Curry
KARKADè
Bicchiere acqua e calice in vetro rosso
Set 12 pz acqua+calice Karkade_ROSSO.jpg
Girasole
Centrotavola in ceramica in 4 misure

YAMAMAY

Yamamay, in piena coerenza e continuità con i valori che da sempre contraddistinguono l’anima del brand, dedica una campagna all’innovazione tecnologica, strumento, per Yamamay, al servizio della bellezza femminile. Il claim della campagna recita infatti: ‘Innovare è sexy’, perché indossare prodotti comodi ed innovativi aiuta a sentirsi bene con se stessi e con il proprio corpo, a valorizzare i propri punti di forza aumentando così la propria percezione di sé.

image003Il meticoloso lavoro di ricerca e sviluppo, gli studi sulle proporzioni e la vestibilità prendono forma in una collezione fatta di capi dal design moderno, sviluppati con i tessuti Sensitive® Fabrics 100% made in Italy arricchiti dalla presenza della fibra LYCRA® per comfort assoluto, perfetta vestibilità e libertà di movimento.

Reggiseni, body, slip e culotte, ma anche sottovesti e bodysuit modellanti, leggings, pantaloncini modellanti, pensati per tutte le tipologie di fisicità, aiutano a nascondere i difetti e mettono in risalto i punti di forza, diventando così un prezioso alleato di seduzione, per piacersi e per piacere. La lingerie abbandona il suo carattere prettamente funzionale, diventando così protagonista del guardaroba, un’arma al servizio della bellezza e della seduzione femminile.

RE PANETTONE

RE PANETTONE®, il tradizionale appuntamento con il grande lievitato delle feste per eccellenza propone anche quest’anno il doppio appuntamento, il primo a Napoli e il secondo a Milano. Protagonista della kermesse è come di consueto il Panettone artigianale che ogni anno si presenta in tante varianti golose come espressione della creatività e dell’esperienza dei pasticcieri provenienti da tutta Italia. Esposizione, tasting e mercato per tutti sia a Napoli che a Milano è la formula collaudata della due giorni che dà spazio anche a show cooking, premi ed incontri.

_MG_0031.JPG

Re Panettone® Napoli

Per il quinto anno consecutivo i banchi di assaggio dei pasticcieri provenienti da tutta Italia, con una nutrita rappresentanza di campani, saranno allestiti nei saloni del Grand Hotel Parker’s al Corso Vittorio Emanuele, 135, storico cinque stelle, icona di accoglienza a Napoli dal 1870. Accanto alle ricette tradizionali, Re Panettone Napoli dà spazio a varianti creative che concorrono al Premio Re Panettone® Napoli. Il riconoscimento viene assegnato da una giuria di esperti con tasting alla cieca e premia il miglior panettone innovativo. Spazio anche al binomio vini e panettone con il banco di assaggi curato dall’Associazione Italiana Sommelier, Delegazione di Napoli, e da Wine&Thecity in collaborazione con il Consorzio di Tutela dei Vini del Sannio che sarà protagonista con i propri vini – passiti, spumanti e vini dolci- anche dei laboratori di degustazione guidati a numero chiuso.

Re Panettone® Milano

L’edizione milanese compie quest’anno dodici anni ed è stata riconosciuta Fiera nazionale dalla Regione Lombardia, con la qualifica di “Mostra mercato” per la sua monograficità. Gli oltre 50 pasticcieri provenienti da tutta Italia con la migliore produzione artigianale di panettoni saranno per questa edizione negli spazi del MIND, Milano Innovation District, ex area Expo 2015. Utilizzare questi spazi è un’opportunità riservata a pochi: Re Panettone®, che dalla sua prima edizione è stato patrocinato dal Comune di Milano, ha ottenuto questo privilegio, perché da anni affianca alla difesa della ricetta tradizionale del panettone, parametro di riferimento irrinunciabile, il sostegno alla creatività dei pasticcieri, che propongono anno dopo anno novità basate sull’impasto di lievito madre tipico del panettone con ingredienti ispirati alla filosofia “Tutto naturale, solo artigianale”. Re Panettone®, inoltre, ha contribuito ad elevare l’immagine del panettone, focalizzando l’attenzione del pubblico sulla sua versione artigianale e imponendola come eccellenza italiana.

Re Panettone si conferma la prima e più autorevole manifestazione dedicata al Panettone con un’attenzione speciale alla selezione dei prodotti e delle pasticcerie presenti. Sono ammessi alla manifestazione solo i panettoni realizzati con metodo artigianale, senza additivi e conservanti, e senza scorciatoie produttive. A tal fine già da due anni Re Panettone ha istituito la Certificazione Re Panettone® (un bollo con ologramma) che attesta, mediante controlli scientifici, freschezza, naturalità e artigianalità del prodotto. Re Panettone è un marchio registrato ed un progetto ideato e curato da Stanislao Porzio.

NAPOLI V Edizione

Date: 23-24 novembre 2019

Orari: Sabato 23 novembre dalle 11,00 alle 21,00 – Domenica 24 novembre dalle 11,00 alle 19,00

Sede: Grand Hotel Parker’s, Corso Vittorio Emanuele, 135

Ingresso: libero

MILANO XXII edizione

Date: 30 novembre – 1 dicembre 2019

Orari: Sabato 30 novembre dalle 10,00 alle 20,00 – Domenica 1 dicembre dalle 10,00 alle 19,00

Sede: Spazio MIND, Milano Innovation District, ex Area Expo 2015

Ingresso: su invito scaricato gratuitamente dal sito www.repanettone.it

Pinocchio Reloaded

Dai creatori di Peter Pan – Il Musical, produzione originale italiana firmata Show Bees, campione d’incassi, con più di un milione di biglietti venduti in 12 anni (dal 2006 al 2018), arrivato in tournée fino al Royal Opera House in Oman e vincitore del Premio Gassman e Biglietto d’Oro Agis 2016/2017 e 2017/2018, nasce Pinocchio Reloaded – Musical di un burattino senza fili.

image001(1).png
La regia intuitiva e avveniristica porta il nome di Maurizio Colombi, già autore di grandi successi come We will rock you, Rapunzel – Il Musical e La Regina di Ghiaccio – il Musical e ideatore di Peter Pan – Il Musical.
Pinocchio Reloaded – Musical di un burattino senza fili è la rivisitazione surreale e pinteriana del racconto di Collodi, un esperimento d’avanguardia artistica. Attraverso la narrazione dei protagonisti avremo l’opportunità di riflettere sulla possibilità che scelte diverse, da quelle imposte dalla società in cui viviamo, possano far vivere una realtà slegata dai fili che la società, per prima, ci impone.
Burattini o burattinai? Siamo davvero liberi o pensiamo solo di esserlo?
Riusciremmo a vivere senza i fili che inevitabilmente regolano i nostri rapporti interpersonali, oppure abbiamo bisogno dei fili per sentirci a nostro agio nella società?
La musica di Pinocchio Reloaded evoca libertà, ribellione dalle convenzioni, una favola d’amore ricca di sfumature contemporanee, composta da sonorità musicali Rock, House e Rap.
Il viaggio di Pinocchio verso la maturità, la felicità e la sincerità verso se stesso dà vita a scene postmoderne, capaci di esprimere la sofferenza, la rabbia, l’amore di ciascun personaggio in veri e propri quadri di grande forza e suggestione.
Colonna portante del musical è l’amore: quello tra Pinocchio burattino e Lucignolo, ragazza indomita e libera. Sarà l’amore a tagliare tutti i fili, che farà volare i personaggi di questo spettacolo tra acrobazie vocali e coreografiche che sono una metafora dei sentimenti di ognuno di noi.
Un musical rivoluzionario carico di ribellione, evasione adolescenziale, con la forza dirompente del primo amore.

Dal 22 novembre al 15 dicembre Milano Teatro degli Arcimboldi

PAPER MINTS

Le strisce Paper Mints e le perle Cool Caps di SANICO: storica azienda italiana che dal 1964 elabora prodotti per il nostro benessere, solo la soluzione ideale per sbarazzarsi facilmente del problema dell’alitosi senza limitazioni né rinunce.expo misto (002).jpg

Le Paper Mints, infatti, sono delle sottilissime strisce al sapore di menta che si sciolgono in pochi secondi sulla lingua per rinfrescarsi velocemente la bocca, ad esempio, dopo un drink o una sigaretta. Senza zuccheri, sono perfette anche per chi è a dieta. Le Cool Caps, invece, sono delle piccole perle di 5 mm, anche queste sugar free, alla menta forte, in grado di rinfrescare l’alito in maniera immediata e di lunga durata. Rispetto alle comuni mentine presenti sul mercato dall’efficacia, purtroppo, momentanea, l’innovativa tecnologia Cool Caps permette loro di agire ben due volte contro l’alitosi: mentre, infatti, la capsula esterna si scioglie sulla lingua con un effetto istantaneo, quella interna, ingerita, garantisce una freschezza più duratura. Le strisce Paper Mints sono distribuite nella pratica confezione da 24 strips, al prezzo di 2,90 €, mentre le Cool Caps sono disponibili sia nella stilosa variante a provetta contenente 18 caps, al prezzo sempre di 2,90 €, sia, per i consumatori più assidui, nel box da 40 caps, a 4,90 €. Date le ridotte dimensioni del packaging, entrambi i prodotti possono essere comodamente trasportati ovunque si voglia ed usati in qualsiasi momento della giornata per avere subito un alito più leggero e fresco.

In vendita in Farmacia e Parafarmacia, Paper Mints e Cool Caps sono distribuiti da Sanico S.r.l. www.sanicareweb.com

Die ägyptische Helena

Elena egizia per la prima volta alla Scala

Il capolavoro dimenticato di Strauss e Hofmannsthal è in scena dal 6 novembre con la direzione di Franz Welser-Möst, la regia di Sven-Eric Bechtolf e un cast che comprende Ricarda Merbeth, Andreas Schager, Eva Mei e Thomas Hampson

K65A4788 Hampson, Mei, Welser-Moest, Merbeth, Bechtolf, Schager.JPG

Il percorso intrapreso dal Teatro alla Scala attraverso il teatro musicale di Richard Strauss giunge a una tappa di particolare interesse con la prima milanese di Die ägyptische Helena, in scena dal 6 novembre con la direzione di Franz Welser-Möst e la regia di Sven-Eric Bechtolf. Le scene sono di Julian Crouch, i costumi di Mark Bourman e le luci di Fabrice Kebour. Il cast schiera nei panni di Elena Ricarda Merbeth, già trionfatrice nella recente ripresa di Elektra, insieme all’Heldentenor Andreas Schager come Menelao, Eva Mei come maga Aithra e Thomas Hampson come Altair. Una grande produzione che offre anche a diversi allievi dell’Accademia la possibilità di debuttare sul palcoscenico scaligero nei ruoli di contorno.

Nel ricco catalogo operistico del compositore questo è uno dei titoli di più rara esecuzione, anche per le proibitive richieste agli interpreti, ma non per questo meno ricco di suggestione e mistero. Il libretto, quinto e penultimo capitolo della preziosa collaborazione con Hugo von Hofmannsthal, è ispirato da Elena di Euripide, tra mitologia e dramma coniugale borghese. In questi anni il Teatro ha riproposto di Strauss Der Rosenkavalier diretto da Zubin Mehta, Elektra diretta da Christoph von Dohnányi e Markus Stenz e Ariadne auf Naxos diretta da Franz Welser-Möst, mentre nel prossimo marzo è attesa Salome diretta da Riccardo Chailly con la regia di Damiano Michieletto. Die ägyptische Helena è il secondo titolo in prima esecuzione alla Scala presentato nel corso della Stagione 2018-2019 dopo Die tote Stadt di Erich Korngold.

Date:

Mercoledì 6 novembre 2019 ore 20 ~ turno Prime Opera

Sabato 9 novembre 2019 ore 20 ~ turno D

Martedì 12 novembre 2019 ore 20 ~ turno B

Venerdì 15 novembre 2019 ore 20 ~ turno C

Domenica 17 novembre 2019 ore 14.30 ~ turno E

Mercoledì 20 novembre 2019 ore 20 ~ turno A

Sabato 23 novembre 2019 ore 20 ~ ScalAperta