IL PANETTONE DEL DUOMO DI MILANO

Per il prossimo Natale 2019, il Viaggiator Goloso, brand premium di Unes, diventa il fornitore ufficiale de “Il Panettone del Duomo di Milano”, il più classico dei dolci nato all’ombra della Madonnina, nella speciale Edizione Limitata ideata dalla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano. Il-Panettone-del-Duomo-di-Milano.jpgGrazie alla sua antica ricetta, alla sua lievitazione naturale e all’utilizzo di soli ingredienti pregiati, “Il Panettone del Duomo di Milano” si prepara a conquistare i palati più esigenti. Come per gli anni passati, oltre a essere irresistibilmente golosa, l’edizione del panettone fornito da il Viaggiator Goloso sarà anche solidale: tutti coloro che acquisteranno “Il Panettone del Duomo di Milano”, contribuiranno, infatti, a sostenere i restauri della Cattedrale. Il Panettone del Duomo di Milano” è disponibile in esclusiva presso il Duomo Shop, il punto vendita ufficiale della Veneranda Fabbrica, aperto tutti i giorni in Piazza Duomo 14/A, dove è possibile acquistarlo o prenotarlo, oppure scrivendo all’indirizzo panettone@duomomilano.it (fino a esaurimento scorte). Il prodotto è disponibile nella confezione speciale ispirata ai documenti conservati nello storico Archivio della Fabbrica nel pratico taglio da 500g (€9,90) – ideale per i visitatori o da regalare ad amici e colleghi – oppure nel classico formato da 1kg (€15,90). Il “Panettone del Duomo di Milano” è perfetto per le occasioni speciali e per stupire i parenti durante il pranzo di Natale.

DOVE ACQUISTARE “IL PANETTONE DEL DUOMO DI MILANO”

Duomo Shop

Piazza Duomo 14/a 20122 Milano

Aperto tutti i giorni dalle 8.00 alle 18.30 (chiuso il 25 Dicembre)

Per info e prenotazioni: panettone@duomomilano.it

CÔTE D’OR

Côte d’Or, il marchio di cioccolato belga di proprietà di Mondelēz International, ritorna in comunicazione in occasione del lancio sul mercato italiano di una gamma completa di tavolette per tutti gli amanti del fondente: dalle più sottili alle più spesse, fino al biologico. Côte d'Or_nuova gamma tavolette fondenti.jpg
Sei referenze premium, ognuna con un diverso carattere, che consolidano il nuovo posizionamento del Brand in Italia: Noir Intense 70% cacao e Noir Intense 86% cacao, sottili tavolette per una degustazione intensa; EXTRA Nocciole Intere e EXTRA Intenso, tavolette generose e spesse per un momento di piacere autentico e intenso; BIO NOIR 70% cacao e BIO NOIR 85% cacao, tavolette di cioccolato fondente biologico realizzate con le pregiate fave di cacao Trinitario.
Un’esperienza di gusto unica resa possibile grazie alla combinazione perfetta di ingredienti di alta qualità, elevate percentuali di cacao e texture “grezze”. Il tutto nel pieno rispetto delle proprie radici e dell’ambiente, attraverso scelte consapevoli che si esprimono nell’impegno di Mondelēz International nell’ambito del programma di sostenibilità Cocoa Life, che ha come obiettivo la creazione di una fiorente catena di approvvigionamento del cacao.
Un grande rilancio per Côte d’Or, che da oltre 130 anni si rinnova senza perdere la sua identità. Forte dei valori di lealtà, potenza e autenticità, Côte d’Or invita il consumatore a vivere un’esperienza multisensoriale all’origine del prodotto, un viaggio alla scoperta della storia del marchio, nonché dell’aroma e del gusto intenso del suo cacao, che rendono inconfondibile il suo cioccolato.
Grazie alla sua lunga storia, fatta di eccellenza ed innovazione, e al gusto unico dei suoi prodotti, Côte d’Or è presente da decenni sul mercato europeo, in particolare in Francia, Belgio e Olanda, in cui ricopre importanti posizioni di mercato.

Temporary Store Panettone Day

25 declinazioni di panettone selezionate da Iginio Massari su oltre 500 in gara. Un’offerta unica quella del Temporary Store Panettone Day che, a partire dal 7 ottobre fino al 3 novembre, riapre le sue porte in Corso Garibaldi 42 a Milano per dare vita a uno spazio unico, dove acquistare e scoprire i panettoni firmati dai migliori artigiani d’Italia.

Vincitori Panettone Cioccolato Ruby_Domenico Napoleone.jpg All’interno dello store sono in vendita curiose e raffinate varianti del panettone tra ricette tradizionali e creative per una proposta di qualità in grado di conquistare e incuriosire il palato dei buongustai milanesi.

GIOVANNI COVA & C. CELEBRA IL GENIO DI LEONARDO DA VINCI.

Per il Natale 2019 Giovanni Cova & C. punta a stimolare e fidelizzare i suoi estimatori con un nuovo ed emozionante progetto culturale: Leonardo 500, una linea di panettoni e pandori dedicati al genio Da Vinci, in occasione del 500° anniversario. Il noto marchio milanese collabora con la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, nel sito della quale è custodita la più importante raccolta esistente di scritti e opere del più grande genio di tutti i tempi.3fVqPF0A

La LINEA LEONARDO 500 è un viaggio tra gusto e arte, dove l’armonia e la grandezza delle opere si fondono con l’eleganza e la raffinata tradizione di Giovanni Cova & C., icona dell’artigianalità nella pasticceria milanese. Come Leonardo poneva grande attenzione nello studio di ogni dettaglio per la realizzazione delle sue opere, così la prestigiosa pasticceria Giovanni Cova & C. pone la stessa attenzione nella selezione di ingredienti e materie prime e nella realizzazione di packaging raffinati ed esclusivi, per dar vita ad eccellenze che coniugano l’arte, la bellezza e l’eleganza. Preziosi incarti e finiture di pregio sono ispirati ad alcuni tra i più noti capolavori del genio di Leonardo, per sottolineare una pagina importante di storia della pittura italiana. La Gioconda, il simbolo della perfezione pittorica nel mondo, racchiude il Panettone Classico da 1 Kg, premiato dall’ International Taste and Quality Institute di Bruxelles con il Tre Stelle Superior Taste Award, in una elegante confezione di latta da collezione; il Panettone Grancioccolato, con granella di nocciole, è racchiuso nella riproduzione dell’opera L’Annunciazione, mentre L’ultima Cena riveste elegantemente il Panettone con gocce di cioccolato bianco, lampone e pistacchio. Ad impreziosire il Panettone curcuma e zenzero, la riproduzione dell’opera La Dama con l’Ermellino; La Vergine delle Rocce avvolge il Panettone farcito con crema di “Pistacchio Verde di Bronte DOP”; Sant’Anna, la Vergine e il bambino con l’agnellino è la copia iconografica che adorna, infine, il Panettone Pere e Cioccolato. Ad impreziosire ogni singola confezione, una raccolta delle riproduzioni utilizzate nel progetto, in tiratura limitata e stampata in altissima risoluzione. Un omaggio alla creatività e al genio di Leonardo, ma anche al sogno di Federico Borromeo di rendere accessibile la cultura e l’arte alla popolazione. Anche il Panettone, re dei dolci italiani, qui frutto della tradizione pasticcera di Giovanni Cova & C., contribuirà quindi ad aprire le porte della Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano promuovendone il suo immenso patrimonio artistico, primo tra tutti, il Codice Atlantico, la più ampia raccolta al mondo di disegni e scritti di Leonardo da Vinci. A chi acquista un panettone della Linea LEONARDO 500, sino al giugno 2020, verrà infatti riservato uno sconto sul biglietto d’ingresso alla collezione d’arte della Pinacoteca.

 

Hampstead Tea

Kiran Tawadey è una intraprendente ed esigente signora indiana. Trasferitasi nel 1987 in Inghilterra dal suo bellissimo Paese, Kiran si accorse ben presto che la qualità del tè che beveva a Londra non la soddisfaceva pienamente. L’incontro con Rajah Banerjee, proprietario di una piantagione di tè indiana, la convinse a voler cambiare la sua vita e soprattutto a cambiare i gusti ormai ben radicati degli Inglesi riguardo alla loro bevanda nazionale. image001(1).jpg
Nasce così la Hampstead Tea dal nome della località, a nord di Londra, dove avvenne l’incontro fortunato tra i due indiani. Un Marchio che da subito è diventato sinonimo di altissima qualità in un settore decisamente affollato ma dove era necessario portare qualcosa di innovativo.
Kiran Tawadey, grazie alla sua visione di agricoltura ‘pulita’, ha creato la prima piantagione biodinamica di tè al mondo, assicurando una coltivazione che prevedesse il massimo rispetto dell’ecosistema e che utilizzasse metodi d’integrazione tra piante e animali.
Seguendo il principio dell’Agricoltura Biodinamica, la concimazione, la coltivazione e l’allevamento vengono fatti rispettando la fertilità e la vitalità del terreno e tutelando le qualità tipiche delle specie vegetali e animali. Sono aboliti l’utilizzo di fertilizzanti sintetici e di pesticidi e il terreno viene gestito seguendo i cicli cosmici e lunari.
Oggi Hampstead Tea vanta la Certificazione Demeter, il marchio che garantisce che i prodotti alimentari o i loro ingredienti provengano esclusivamente da coltivazioni o allevamenti biodinamici.
Compagnia di importazione di prodotti alimentari, dolciari, vini, liquori http://www.dec.it
Tutta la gamma di Tè e Infusi Hampstead Tea è creata dai più esperti e pluripremiati tea testers che utilizzano esclusivamente tè ed erbe selezionati che crescono solo nella piantagione di Makaibari nella regione del Darjeeling, sia che si tratti di tè nero, bianco, oolong o verde. Una vera rarità. Le foglie superiori e i germogli vengono raccolti rigorosamente a mano e lavorati senza utilizzare aromi o conservanti artificiali. Inoltre, Kiran Tawadey ha stabilito che una percentuale del prezzo pagato per ogni chilogrammo di tè sia destinata alle cooperative agricole per sostenere progetti di sviluppo sociale. E la stessa attenzione e cura sono rivolte anche al packaging: le bustine infatti sono sigillate una ad una e confezionate senza colla, punti metallici e sbiancanti chimici.
Una visione decisamente nuova e diversa e certamente più costosa da mantenere rispetto alla classica lavorazione industriale, che però ha permesso all’imprenditrice indiana di impostare la sua Azienda secondo i principi dell’agricoltura biodinamica, per ottenere produzioni rispettose dell’ecosistema terrestre, senza perdere in qualità, varietà di gamma e gusto eccellente.

 

CAFFE’ BORBONE

Caffè Borbone si aggiudica le due stelle dall’International Taste Institute con sistema a marchio “A modo mio” 1053.jpg

La tradizione napoletana spopola in tutto il mondo grazie al caffè. Caffè Borbone si aggiudica le due stelle dall’International Taste Institute, leader nella valutazione e certificazione TASTE 2019, che prova migliaia di prodotti alimentari e bevande di consumo provenienti da circa cento Paesi. «Due stelle, su tre, è un grande risultato  – dichiara Massimo Renda, presidente esecutivo del brand – il nostro caffè Don Carlo Miscela Oro, compatibile con macchina “A modo mio” fa parte della categoria Food&Drink per consumatori dell’exiTQi,  che nel 2019 ha testato oltre 15.000 prodotti». Pare sia diventato un cliché disprezzare le tradizioni napoletane, ne è la prova una recente inchiesta realizzata da un’emittente nazionale, emettendo la “sentenza definitiva”, secondo cui il caffè che si beve a Napoli è tra i peggiori al mondo. «Per ironia della sorte – continua ancora il presidente esecutivo dell’azienda – abbiamo ricevuto questo premio che sancisce proprio il contrario e ne siamo più che fieri. Caffè Borbone vuole dimostrare che il caffè bevuto a Napoli è uno dei migliori e che la tradizione partenopea non potrà avrà sempre un carattere universale».

CALVE’

Calvé, leader in Italia nel mercato del dressing e da sempre sinonimo di qualità, tradizione e innovazione, presenta in collaborazione con De Nigris una nuova categoria di prodotto: una fresca linea di condimenti spray a base di aceto, arricchita con gustosi ingredienti e disponibile in tre varianti. Dal condimento a base di aceto di Mele con Zenzero e Lime a quello con Curcuma e Uva, fino ad arrivare al condimento a base di aceto Balsamico di Modena IGP con Mirtilli Rossi e Miele.Condimenti_Calvé_Curcuma e Uva.png
Una spruzzata di novità che nasce dalla passione di Calvé per la qualità e per la tradizione italiana e che va incontro alle esigenze di un consumatore sempre più attento e consapevole, alla ricerca di uno stile di vita salutare, che non vuole rinunciare al gusto e alla qualità dei prodotti che acquista.
Calvé lancia una nuova categoria di prodotto, un connubio perfetto tra tradizione e innovazione, tra salute e sapore, per coloro che nei condimenti cercano varietà e praticità, oltre ad un prodotto leggero e versatile, fatto con ingredienti e sapori nuovi. Una ventata di gusto e di qualità, nel rispetto della tradizione gastronomica italiana ma, al tempo stesso, frutto dello spirito innovativo che da sempre contraddistingue le due aziende.

LA GOLOSA PASQUA DI ZAINI

In occasione della prossima ricorrenza pasquale, la Luigi Záini propone come novità, che si va ad aggiungere alla sua distinguibile gamma di UOVA EMILIA, il nuovo UOVO FONDENTE EMILIA ALLE NOCCIOLE, il 3° uovo fondente della gamma, dedicato agli adulti.Luigi Zaini - Uovo Emilia fondente con nocciole 250g.jpg

Sarà l’uovo ideale per chi ama il gusto rotondo della nocciola, abbinat o al l’inconfondibile sapore fondente del cioccolato Emilia. E per accontentare il desiderio di sentirsi pasticceri, comune a tutti i fan del cioccolato Emilia, ecco che le sorprese sono piccoli utensili da pasticceria, stampi in silicone e magneti da frigo per… Emilia brand addicted! E per gli amanti degli Ovetti, Zaini propone un vasto assortimento, tra cui spicca una nuova confezione di OVETTI RIPIENI ASSORTITI, racchiusi in una elegante confezione con fiocco di “vero” tessuto, dalla grafica fresca e primaverile.Luigi Zaini - Confezione Fiocco rosa Ovetti Assortiti 122g Per i più piccini non mancano gli OVETTI con i personaggi piú amati dai bimbi: WINX, DRAGONS e PAW PATROL – venduti nelle simpatiche confezioni di cartone pressato, proprio quelle dei “veri” portauova.Zaini Milano - Uovo Ruby nudo.jpg
Solo nel negozio Záini Milano, ecco una golosa e sorprendente tentazione: l’ UOVO DI PASQUA RUBY,  600g di puro cioccolato rosa, dal gusto inconfondibile che cela al suo interno un prezioso gioiello. Incartato con alluminio goffrato e nastro di velluto é in vendita solo nel negozio di Via De Cristoforis .Zaini Milano - Uovo Ruby incartato
Sempre in negozio, anche i simpatici CONIGLIETTI PASQUALI con uovo di cioccolato al latte da 20g e gioiello come sorpresa.

PASQUA VIGNETI E CANTINE

“BRASA COÈRTA” IL PERCORSO VERSO IL NATURALE DI PASQUA VIGNETI E CANTINE Un progetto pilota con Diego Rossi e Lorenzo Corino
2_Vigneto Mizzole.JPG
Si chiama “Brasa Coèrta” ed è l’inizio di un percorso verso la produzione di un vino naturale di Pasqua Vigneti e Cantine, da oltre novant’anni tra le principali aziende di produzione di vini autoctoni veneti e italiani. Dichiara Riccardo Pasqua, amministratore delegato di Pasqua Vigneti e Cantine: “Siamo convinti che si possa produrre, distribuire, consumare in modo sostenibile. Non vogliamo che l’impegno etico si fermi alle parole. Brasa Coèrta è un progetto pilota per un vigneto di 1,2 ettari, avviato oltre un anno fa, che evidenzia la volontà di dare risposte a un consumatore sempre più etico e attento a stili di vita e atteggiamenti sostenibili; un’idea virtuosa, che mira a tutelare il vigneto come parte del patrimonio territoriale, che si è concretizzata grazie all’incontro con Diego Rossi, chef e proprietario del ristorante Trippa di Milano, da sempre appassionato di vini naturali, e Lorenzo Corino, agronomo, tra i massimi esperti sul tema in Italia e in Europa”. Diego Rossi, protagonista insieme a Giorgia Fincato, artista, e Lidia Caricasole, ballerina, del progetto “Talent Never Tasted Better” che valorizza talenti veronesi che hanno avuto il coraggio inseguire i loro sogni, affermandosi autorevolmente nei rispettivi campi in Italia e nel mondo, sta realizzando, insieme a Pasqua, il suo sogno di un vino naturale che rispecchiasse le sue origini e la sua visione sostenibile. Ne è nato un progetto vitivinicolo sostenibile che racconta appunto la voce di un territorio. Il nome stesso, “Brasa Coèrta” è mutuato da un detto popolare che sta a indicare una persona apparentemente tranquilla che nasconde molto di più di quel che fa vedere. La brasa è il tizzone che continua ad ardere sotto la cenere e può “riaccendere” il fuoco. Questo vino è esattamente così, per la sua finezza ed eleganza che però rivela una grande complessità e un potenziale interessante di longevità. Per Diego Rossi, Brasa Coèrta rappresenta: “il progetto di un vino che racchiuda il pensiero che anima i miei piatti: è necessario semplificare i processi e rispettare il prodotto; se lo lavori meno, rimane più intatto, più integro e più vero.” Brasa Coèrta nasce da un vigneto scelto per le sue caratteristiche particolarmente vocate. Nella gestione del vigneto, Pasqua si è avvalsa della collaborazione di Lorenzo Corino, che ha implementato processi produttivi attenti agli aspetti di salubrità ambientale, conservazione della biodiversità e longevità del vigneto. Impiantato nel 1985, il vigneto è caratterizzato da un terreno argilloso-calcareo di origine alluvionale. Le varietà di uve coltivate sono Corvina, Corvinone, Rondinella, Cabernet Sauvignon e Merlot. Le uve vengono raccolte a mano con attenta selezione, per rimanere poi per circa dieci giorni nelle cassette prima di essere pigiate. Dopo la pigiatura vengono passate in tini di legno dove i lieviti naturali realizzano la fermentazione alcolica. Terminato questo passaggio, il vino viene riposto in tonneaux di rovere francese di secondo e terzo passaggio per circa 6 mesi, dove svolge la fermentazione malolattica. Infine passa in acciaio per un ulteriore affinamento. Dichiara Lorenzo Corino: “Ho visto in Pasqua la lungimiranza di una grande azienda che fa da apripista, impegnandosi in maniera concreta in un progetto finalizzato alla sostenibilità in viticoltura e alla salubrità del vino.” La dicitura “vino naturale” non ha una definizione di legge, per questo motivo Pasqua lavora con impegno pluriennale sulle attività, dal vigneto alla cantina, compresi gli aspetti etici e ambientali. Ne consegue che Brasa Coèrta sia un vino artigianale, nel senso più nobile del termine, perché l’uomo è artefice della sua creazione, grazie a una gestione più consapevole della vigna. La produzione non supera le 1800 bottiglie annue.
E la ricerca condotta Wine Monitor di Nomisma: “Vino naturale e stili di vita green” presentata oggi conferma l’intuizione di Pasqua e fornisce ulteriori spunti di riflessione su un fenomeno, sì di nicchia, ma con un trend di crescita importante, sul quale il dibattito è aperto e vivace.
La ricerca evidenzia una forte attenzione da parte degli italiani nei confronti del tema sostenibilità: il 20% degli italiani1 percepisce la salvaguardia dell’ecosistema come uno dei temi di maggiore preoccupazione per la società. La conservazione dell’ambiente e del paesaggio sono considerati centrali per offrire un futuro alle generazioni che verranno, oltre che fondamentali per tutelare le denominazioni alimentari del nostro Paese e garantirne la sicurezza alimentare.
Questo aspetto viene confermato dalle caratteristiche imprescindibili per i cibi/bevande che finiscono nella nostra dispensa: oltre alla certezza sull’effettiva provenienza 100% italiana dei prodotti che si comprano (fondamentale per il 26% degli italiani), si afferma l’attenzione verso le proprietà bio (ecosostenibilità, filiera corta, km 0), caratteristica fondamentale sulla scelta finale di acquisto per il 22% dei consumatori. In questo contesto, dunque, il vino naturale risponde alle esigenze di tradizione, origine e sostenibilità ricercate dai consumatori italiani.

BRESAULE D’AUTORE PANZERI

Salumificio Panzeri e Claudio Sadler hanno portato a battesimo, presso Chic’n Quick – la Trattoria Moderna dello Chef, le Bresaole d’Autore: novità assoluta destinata a stuzzicare l’appetito e la curiosità dei tanti estimatori italiani ed esteri della Bresaola della Valtellina.
Panzeri_BresaolaD'Autore_LaMontanara_Vaschetta.png
Le Bresaole d’Autore Le Bresaole d’Autore sono state concepite per esaltare l’innata versatilità in cucina del salume e per stupire piacevolmente sia come appetizer divertenti e stuzzicanti sia come portata di sicuro effetto per tutte le occasioni conviviali:
TONICA – una Bresaola corroborata dalla vivace energia dello zenzero e del Gin Tonic. È l’ideale accompagnamento di un aperitivo o il degno coronamento di un pranzo. Sadler consiglia: l’impiego elettivo su tartine con del formaggio fresco e cremoso, scorzetta di lime e uova sode grattugiate. L’abbinamento ideale è con Gin Tonic oppure con un centrifugato di zenzero, mela, sedano e carota;
TARTUFATA – il sapore pieno della Bresaola incontra l’aromaticità e il gusto inconfondibile del tartufo, generando un’irresistibile ghiottoneria gourmet. Sadler consiglia: servire con un filo d’olio, limone e dei fiocchetti di robiola morbida o accompagnata da un’insalata di Soncino e champignon freschissimi tagliati a fettine sottili. L’abbinamento con un vino rosso strutturato ne valorizza ogni sfumatura, mentre, accompagnata da uno spritz, è pronta a diventare la regina degli happy hour;
SBAGLIATA – i buongustai che non temono i sapori decisi e senza compromessi adoreranno l’elettrizzante combinazione di Bitter e peperoncino che si presta a fare da co-protagonista nella preparazione di antipasti o primi piatti. Sadler consiglia: abbinata a un guacamole piccante e tacos, oppure tagliata à la Julienne su uno spaghetto caldo o freddo con Caprino e puntarelle. Da servire in abbinamento con il Negroni Sbagliato oppure con un vino rosso leggero.
MONTANARA – l’aromatica freschezza della grappa e del pino mugo caricano questa Bresaola di echi silvestri. Una specialità che dà il meglio di sé come antipasto o piatto unico. Sadler consiglia: da servire con insalata di funghi Champignon e formaggio Casera grattugiato, pepe nero e lime. Le bevande ideali con cui accompagnarla sono il Pisco Sour o del succo di mela.