SPAGHETTATA DI MEZZANOTTE? SI, MA DI VERDURA!

SPAGHETTATA DI MEZZANOTTE?
Sì, MA DI VERDURA!

100% veggie -100% verdure fresche – facili e veloci da cuocere

Sei una amante dei primi piatti sempre alla ricerca di novità sfiziose? Cerchi un nuovo modo per mangiare la verdura? Magari divertente, fresco, trendy e super veggie? DimmidiSì… agli Spaghetti di Verdura e DimmidiSì… alla Spaghettata di Verdura sono perfetti per te. spaghettata-verdura-dimmidisi-vegan
Sono veloci da cucinare, 100% verdure fresche e con un apporto di carboidrati inferiore al 7%. In poche parole: il primo che prima non c’era! E … sì, hai capito bene sono fatti di sola verdura a forma di spaghetto!
Prepararli è facilissimo: in una padella calda, scalda gli spaghetti per 4 minuti a fiamma viva con 1/3 di un bicchiere d’acqua e poi condisci a piacere: sugo, erbe aromatiche, spezie e tutto quello che la fantasia ti suggerisce. Servirai così un piatto allegro, colorato, buonissimo, super fresco e adatto a tutti, bimbi compresi!
La nuova gamma DimmidiSì è composta da due deliziose proposte: DimmidiSì… agli Spaghetti di Verdura– nei mix Zucchine e Carote e Barbabietola e Carote – e DimmidiSì… alla Spaghettata di Verdura in due ricette per un primo piatto già completo: Spaghetti di Zucchine e Carote con mozzarelline e pomodorini semisecchi e Spaghetti di Barbabietola e Carote con feta e soia edamame.
DimmidiSì è la marca della freschezza garantita e pronta da gustare, per mangiare frutta e verdura freschissime in ogni momento della giornata. Tutti i prodotti vanno tenuti refrigerati perché sono freschissimi.

Annunci

Il Consorzio per la Tutela dell’ASTI presenta a Milano il nuovo ASTI Secco DOCG

MILANO, 28 novembre 2017

Il Consorzio per la Tutela dell’ASTI, dal 1932 impegnato nella tutela, valorizzazione e promozione dell’ASTI spumante e del MOSCATO d’ASTI, presenta oggi a Milano allo Spazio Gessi l’ultimo nato: l’ASTI Secco Docg.
Celebre in tutto il mondo per le sue bollicine dolci, lo sparkling wine sabaudo allarga il proprio raggio d’azione e va oltre il tradizionale brindisi per le feste con questa nuova tipologia che ben si adatta ad altri momenti di socializzazione. Grazie al suo ridotto contenuto di zuccheri rispetto alla versione dolce è infatti uno spumante secco unico nel suo genere, ideale per il momento dell’aperitivo e a tutto pasto.
Ottenuto esclusivamente dall’uva Moscato bianco coltivata nei 52 comuni delle province di Asti, Alessandria e Cuneo, dove i paesaggi vitivinicoli sono patrimonio dell’Umanità riconosciuti dall’Unesco, il nuovo ASTI Secco è frutto della grande tradizione piemontese nell’arte della vinificazione e nella spumantizzazione e conserva quindi la forte identità che contraddistingue lo spumante astigiano.

“L’ASTI Secco – commenta Romano Dogliotti, presidente del Consorzio dell’ASTI Docg – completa la gamma della Denominazione, portando nel mondo degli spumanti secchi qualcosa che non c’era: il profumo e l’aroma inconfondibile del Moscato bianco. In altre parole, il grande albero del Moscato bianco di Canelli, che fa nascere l’ASTI spumante Dolce Docg e il MOSCATO d’ASTI Docg, ora offre un frutto in più: l’ASTI Secco Docg”.
La tecnica di spumantizzazione – messa a punto con il contribuito del laboratorio di ricerca e analisi del Consorzio di Tutela e la supervisione del professor Rocco Di Stefano, tra i maggiori esperti del settore enologico – prevede particolari condizioni di fermentazione del mosto con lieviti selezionati. Il risultato è unico e sorprendente, con un quadro gustativo e olfattivo equilibrato e armonioso.
“Ricerche di mercato – spiega Giorgio Bosticco, direttore del Consorzio – confermano che il nuovo ASTI Secco ha le carte in regola per entrare in un mercato grande e complesso, confrontandosi con denominazioni agguerrite e di successo, con l’obiettivo di sedurre nuovi consumatori, soprattutto tra i Millennials”.
Sedici i marchi già presenti sul mercato (Araldica Castelvero, Arione, Azienda Agricola Matteo Soria, Bosca, Bosio, Cantina Tre Secoli, Cascina Fonda, Cuvage, Duchessa Lia, Fontanafredda, Sant’Orsola, Tosti, Manfredi Aldo & C., Santero, Sarotto, Toso). La produzione ad oggi è di circa 700 mila bottiglie, numeri contenuti per una graduale e continua crescita all’insegna della qualità.   Continua a leggere